Pubblicato in: mamma

musica maestro

ahhh beata creatura… che alle 5.40 mi dai la sveglia come se non ci fosse un domani. Ti svegli, figlio, e la prima cosa che fai, il gesto primario è darmi una pizza in faccia. Lo so, piccolo basso ominide, che nel tuo rudimentale set di emozioni, quella potente pizza in faccia era codificata come una carezza. Grazie amore de mamma.

Comunque cara piccola gioia della casa le 5.40 non è orario accettabile da queste parti, datti una regolata o quantomeno autogestisci il tuo tempo, hai la maturità per farlo. Seee come no.

Chiaramente il sonno diventa esponenziale e non gli sto più dietro, nel senso che ormai ho talmente tanto sonno che posso anche non dormire mai più (esatto si, è un paradosso).
Sono anche stanca al cubo perchè sto ricominciando a lavorare a pieno ritmo, mi sono iscritta in palestra (che mi stanca anche solo a scriverlo), e basta. Faccio solo queste due cose, che in questa città di pazzi è già un miracolo.
Ma messa da parte tutta la stanchezza e l’ignavia del loop in cui poi se sei stanca, sei sempre più stanca, sto cercando di dare piccole ma profonde scosse elettriche alla mia vita con il mio piccoletto. Per esempio sabato scorso siamo stati a fare una lezione di prova di “musica in fasce”, ovvero come sudare in un sottoscala di una libreria per ragazzi a ritmo di musica.
A parte gli scherzi, la lezione, tenuta da una bravissima intonatissima (ma va) ragazza che ha canticchiato note abbastanza complesse per quasi un’ora, ha lasciato di sasso i bambini presenti che, poveracci, erano abituati alle canzoncine delle babydance estive.

Ho scoperto che la lezione a me ha fatto benissimo, mi sono rilassata tantissimo e anche divertita, Samu non proprio, ogni tanto mi prendeva la mano per portarmi via. Ma caro mio qui, per ora, comando mio e te tocca sta a sentì questa che canta.

finita la lezione, mentre samuele smontava il sottoscala, la ragazza intonata ci ha raccontato di quanto bene faccia stimolare i bambini con i suoi, le note e le scale musicali più complesse del Pulcino Pio, ma va?????
La ragazza mi ha, chiaramente convinto, e sono d’accordo con lei e con il metodo educativo in generale.
Ma purtroppo la lezione la fanno il mercoledì mattina. Il mercoledì mattina? ma che cazzo di giorno è? Addio muscia in fasce.
Però la consiglio a chi il mercoledì mattina è a casa, la consiglio perchè credo che sia molto importante aiutare i bambini a costruire un bagaglio di interessi, nozioni, diverse dalla televisione. Credo che uscire e vedere, sentire, nuove cose sia necessario per costruire un adulto curioso.
Questo è il sito ufficiale della AIGAM – Associazione italiana Gordon per l’Apprendimento musicale
http://www.aigam.org/

E questo è il link della libreria Le Girandole che si adopera tantissimo con corsi ed eventi dedicati ai bimbi. j
http://www.libreriadellegirandole.it/